sabato 15 luglio 2017

Agibilità politica a Perugia: i Radicali chiamano in causa la giunta Romizi

Dal lato sinistro del tavolo: Candori, Bistocchi, Guaitini e Maori
Si è svolta oggi la conferenza stampa promossa da Radicaliperugia per fare il punto sulla
agibilità politica a Perugia.

Negli ultimi mesi – denunciano i radicali rappresentati da Michele Guaitini e da Andrea Maori – si sono moltiplicati i casi di difficoltà nel poter raccogliere pubblicamente sottoscrizioni per proposte di legge di iniziativa popolare, cioè un istituto costituzionalmente tutelato.

La conferenza stampa è stata tenuta insieme alla consigliera comunale Bistocchi e alla professoressa Francesca Candori del Comitato per la Democrazia Costituzionale.
Il movimento radicale è impegnato a raccogliere firme su proposte di legge relativa alla iniziativa “Ero straniero” e su nuovi diritti di partecipazione.

Il caso più eclatante è quello di Pian di Massiano dove la SIPA ha impedito la raccolta durante i giorni del mercato coperto con la motivazione che è possibile fare solo informazione. Ma l’informazione serve per raccogliere firme…. .

giovedì 13 luglio 2017

Agibilità politica a Perugia: sabato 15 luglio ore 11,30 conferenza stampa di Radicaliperugia

Le redazioni e i cittadini sono invitati a partecipare alla conferenza stampa che si terrà
sabato 15 luglio alle ore 11,30 presso la sala Sindaci del Comune di Perugia, Palazzo dei Priori

Radicaliperugia ha convocato una conferenza-stampa sulla agibilità politica a Perugia
I divieti e le limitazioni a raccogliere firme negli spazi pubblici, le difficoltà a trovare autenticatori per le proposte di legge di iniziativa popolare, la mancata applicazione dei dispositivi di applicazione delle petizioni sottoscritte sulla trasparenza dei lavori del consiglio comunale.

Inoltre sarà presentata una proposta di legge nazionale di iniziativa popolare sulla partecipazione, trasparenza e misurazione della qualità dei servizi promossa da Radicali Italiani, Coordinamento per la Democrazia Costituzionale, Possibile, Verdi, Effetto Parma, Più Democrazia in Trentino e Aduc.

Parteciperanno:
Michele Guaitini, segretario di radicaliperugia
Andrea Maori, tesoriere di radicaliperugia
Prof. Mauro Volpi, costituzionalista, Comitato per la Democrazia Costituzionale
Sarah Bistocchi, consigliere comunale PD a Perugia, co-presentatrice di una interrogazione comunale

venerdì 7 luglio 2017

Agibilità politica negata a Radicaliperugia: interrogazione del gruppo Partito Democratico al Sindaco Romizi

In merito alle difficoltà riscontrate da Radicaliperugia nella raccolta firme, in particolare al mercato del sabato a Pian di Massiano, il gruppo del Partito Democratico (primi firmatari Sarah Bistocchi e Tommaso Bori) hanno interrogato il sindaco Andrea Romizi.
Ringraziamo i due consiglieri per questa iniziativa.

Al Signor Sindaco
per il tramite  del  Presidente  del Consiglio comunale
e p.c. Al Dirigente Gabinetto del Sindaco
INTERROGAZIONE
OGGETTO: Interrogazione a risposta orale sulla disparità di trattamento per le occupazioni di suolo pubblico nell’area di Pian di Massiano

Ai sensi dell’art. 68 comma 1 del Regolamento del Consiglio Comunale si interroga la S.V. per avere informazioni:


- circa la sussistenza del seguente fatto:


ü  L’articolo 71 della Costituzione della Repubblica italiana recita “Il popolo esercita l'iniziativa delle leggi, mediante la proposta, da parte di almeno cinquantamila elettori, di un progetto redatto in articoli.
ü  La Legge 25 maggio 1970, n. 352  recante “Norme sui referendum previsti dalla Costituzione e sulla iniziativa legislativa del popolo e la Legge 28 dicembre 1995, n. 549 recante  “Misure di razionalizzazione della finanza pubblica  determinano modalità e costi dell’occupazione di suolo pubblico in presenza di banchetti per la raccolta firme per referendum e leggi di iniziativa popolare.
 - circa la verità del seguente fatto:


ü L’Associazione Radicali Perugia è impegnata in queste settimane in una raccolta firme per una legge di iniziativa popolare “Nuove norme per la promozione del regolare soggiorno e dell'inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari”, annunciata nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 14 aprile 2017.  
ü  Come già avvenuto in occasione di altre iniziative analoghe, l’Associazione Radicali Perugia ha richiesto a SIPA S.p.A., come indicato dagli uffici comunali, l’autorizzazione ad allestire un banchetto per la raccolta firme di cui sopra.
ü  SIPA S.p.A. ha negato l’autorizzazione con la seguente motivazione: “La nostra policy aziendale prevede che l’utilizzo delle aree in nostra concessione presso Pian di Massiano da parte di partiti politici debba essere limitato alla sola attività informativa alla cittadinanza e pertanto non ci è possibile soddisfare la vostra richiesta per attività di raccolta firme”.

venerdì 30 giugno 2017

Sipa nega l’autorizzazione per i nostri banchetti di raccolta firme per una legge di iniziativa popolare

Sipa nega l’autorizzazione per i nostri banchetti di raccolta firme per una legge di iniziativa popolare
Intervenga immediatamente il Comune per tutelare un diritto costituzionalmente garantito



L’associazione Radicali Perugia è impegnata in queste settimane in una raccolta firme per una legge di iniziativa popolare “Nuove norme per la promozione del regolare soggiorno e dell'inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari" annunciata nella gazzetta ufficiale n. 88 del 14 aprile 2017.

Come per ogni altra raccolta firme che ci ha visto protagonisti negli ultimi anni abbiamo chiesto autorizzazione a Sipa S.p.A. per allestire un banchetto per la raccolta firme in piazzale Umbria jazz il sabato mattina durante il mercato settimanale, in quanto gli uffici comunali come di consueto ci hanno indirizzati a loro per quell’area.

Stavolta, contrariamente a quanto avvenuto in passato, l’autorizzazione ci è stata negata con una motivazione assurda se non ridicola: “la nostra policy aziendale prevede che l’utilizzo delle aree in nostra concessione presso Pian di Massiano da parte di partiti politici debba essere limitato alla sola attività informativa alla cittadinanza e pertanto non ci è possibile soddisfare la vostra richiesta per attività di raccolta firme”.
Quindi, distribuire materiale informativo sì, raccogliere firme no.

Non capiamo quale sia la contorta logica dietro questo diniego, ci domandiamo però se sia lecito da parte di una concessionaria che gestisce un luogo pubblico e aperto al pubblico arrogarsi il diritto di vietare l’esercizio di un diritto costituzionalmente garantito.

Abbiamo quindi chiesto con urgenza al Comune di Perugia di farsi carico in prima persona della gestione delle autorizzazioni anche per l’area di piazzale Umbria Jazz o, in subordine, di diffidare immediatamente Sipa affinché rilasci il permesso per tenere i banchetti di raccolta firme nostro e di tutti gli altri soggetti che ne facciano richiesta.


giovedì 22 giugno 2017

Radicaliperugia aderisce al Perugia Village Pride

Anche quest’anno Radicaliperugia aderisce all'edizione del Perugia Village Pride con una sua postazione condivisa con l’associazione radicale “Certi diritti” ai giardini del Frontone in occasione degli eventi programmati.
Per noi sarà l'occasione per raccogliere adesioni alla proposta di legge di iniziativa popolare "Ero straniero . L'umanità che fa bene", la campagna per superare la legge Bossi-Fini e investire su accoglienza, lavoro e inclusione.

L’adesione è l’espressione di una vicinanza di temi e di obiettivi politici di Omphalos, l’organizzazione che ha promosso il Perugia Village Pride a partire dal titolo dell’iniziativa “Si scrive laico, si legge libero” fortemente contestato dai gruppi oltranzisti.
Insieme ad Omphalos ci troviamo fianco a fianco da anni a difesa dei diritti civili, ultima la mobilitazione per l’approvazione della legge regionale umbra contro l’omotransfobia.

Constatiamo con amarezza che Omphalos rimane uno dei pochi centri GLBTI, persino a livello nazionale, che offre servizi verso la cittadinanza, attività culturali, ricreative e di sostegno psicologico come il telefono amico e il centro d’ascolto.
Ringraziamo Omphalos per aver sollevato per primi il tema del rifiuto da parte del Comune di Perugia sulla trascrizione dell’atto di nascita di Juan, il  bambino nato in Spagna da Chiara e Laura, una coppia di ragazze perugine.

Si tratta di una decisione grave da parte dell’amministrazione comunale, a partire dall’atteggiamento del Sindaco Andrea Romizi, che sta impedendo il superamento degli ostacoli per avere i documenti che consentono al bambino e alle sue mamme di risiedere a Perugia.

Michele Guaitini, segretario di radicaliperugia

Andrea Maori, tesoriere di radicaliperugia

Intervento di Andrea Maori all’audizione pubblica presso la Regione Umbria su applicazione legge regionale "farmaci cannabinoidi"

Intervento di Andrea Maori all’audizione pubblica presso la  Terza Commissione Consiliare Permanente Sanità e servizi sociali dell’Assemblea legislativa della Regione Umbria sull’applicazione della legge regionale 17 aprile 2014 n. 7 “Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi”

Esaminando la relazione della Giunta regionale in merito all’applicazione della legge regionale 17 aprile 2014 n. 7 “Disposizioni per la somministrazione ad uso terapeutico dei farmaci cannabinoidi”   emerge che in Umbria sono stati trattati con il farmaco Sativex® 65 pazienti - in cura presso i centri specialistici per il trattamento della sclerosi multipla - e dai dati forniti dai Servizi Farmaceutici delle due Aziende USL, risulta quanto segue: dal 2016 ad oggi, in applicazione della legge regionale 7/2014, sono state allestite preparazioni magistrali a base di cannabis per il trattamento di 37 pazienti, di cui: 27 per Terapia del dolore,  5 per sindrome spastico-distonica, 3 per Cure Palliative, 1 per epilessia farmaco resistente, 1 per emesi da chemioterapia. Di questi, 3 sono deceduti, 9 non sono più in trattamento.

sabato 17 giugno 2017

La laicità al centro della quinta edizione del Perugia Pride Village

L’amore è libero solo chi lo teme si scandalizza.
La laicità al centro della quinta edizione del Perugia Pride Village.




Il tema della quinta edizione del Pride Village Perugia è “laicità”.
Anche quest’anno Radicali Perugia aderisce assieme a Certi Diritti Associazione Radicale al Pride Village Perugia.

Dopo l’approvazione della legge regionale umbra contro l’omotransfobia, lo scorso 4 aprile, quest’anno il Pride a Perugia ha un colore in più; quello della speranza che anche l’Italia sfoggi presto il suo abito migliore, un abito laico che tuteli le persone dalle discriminazioni basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere.

lunedì 5 giugno 2017

Giovedì 8 giugno 2017, ore 18.00, presentazione a Perugia del docufilm “Spes contra spem Liberi dentro” di Ambrogio Crespi

Invito alla presentazione del docufilm “Spes contra spem Liberi dentro” di Ambrogio Crespi
giovedì 8 giugno 2017, ore 18.00
Nuovo Cinema Méliès, via della Viola 1, Perugia.

Ingresso libero

Dopo la proiezione del film dibattito “Viaggio nel mondo dell’esecuzione penitenziaria”.con: Stefano Anastasia, garante delle persone sottoposte a misure restrittive o limitative della libertà personale, Regione Umbria; Rita Bernardini, Rita Bernardini, presidenza del Partito Radicale, Ambrogio Crespi, regista; Sergio D’Elia, segretario dell’Associazione Nessuno Tocchi Caino; Francesco Falcinelli, presidente della Camera penale di Perugia.

Introducono e moderano: Michele Guaitini e Andrea Maori, radicaliperugia.org

Evento formativo accreditato con 3 crediti dall’Ordine degli Avvocati di Perugia